ROTAZIONE DI CAMPO
 
 
 
 
Ecco quello che succede quando due stelle, sorgendo verso Est, ci appaiono una accanto all' altra. Arrivate al meridiano esse saranno una sopra l' altra per poi tornare ad essere di nuovo affiancate quando tramonteranno verso Ovest.  
 
 
 
Il rettangolo che inquadra le stelle rappresenta il campo di vista di una ideale macchina fotografica o di un ccd, montata su di un telescopio altazimutale (non ha importanza se al fuoco diretto od in parallelo). Come si può vedere dal disegno la macchina, pur seguendo correttamente le stelle, rimane sempre parallela all' orizzonte: le stelle però appaiono ruotare ed il risultato di una lunga posa saranno due strisciate tanto maggiori quanto più sono distanti dal centro del campo inquadrato.  
 
 
 
Adesso il telescopio è montato in equatoriale e perciò il campo di vista della macchina da ripresa ruota assieme al telescopio attorno all' asse polare della montatura del telescopio stesso, tenendo così inquadrate le due stelle sempre con la medesima inclinazione. Il risultato di una lunga posa saranno pertanto due punti. Questo implica che, dovendo fare fotografie, il telescopio deve essere il più possibile stazionato correttamente, per non incorrere nella rotazione di campo. Un piccolo errore, ad ogni modo, non pregiudica la foto se l' esposizione non è lunghissima.
Anche con i telescopi altazimutali si possono effettuare riprese: il computer che governa i movimenti, oltre a far ruotare in azimut ed altezza il telescopio, provvederà con un terzo movimento a ruotare un' apposita apparecchiatura (derotatore di campo) su cui sarà montata la macchina da ripresa che così potrà seguire l' apparente rotazione dei corpi celesti.
 
 
Torna alla risposta