FASTAR
(pagina realizzata nel 2000)
 
 
I nuovi modelli di S.C. Celestron montano il sistema Fastar: il secondario è mobile e sostituibile da un CCD che riprende immagini al fuoco diretto con rapporti focali molto spinti tipo f2. Ma come funziona meccanicamente il tutto? Saldamente ancorato alla lastra invece di esserci tutto il blocco del cercatore c' è solo un tubo che ha la parte esterna filettata in cima. Nella prima foto si vede il blocco montato. Svitando la manopola zigrinata in primo piano si vede la parte esterna del tubo "porta secondario" (ma anche "porta CCD") con la filettatura dove viene montata la manopola che è stata appena tolta. Nella terza foto si può vedere che la filettatura è interrotta: è il punto in cui il supporto del secondario ha una piccola sporgenza per rimontarlo ruotato nella posizione giusta. Si nota inoltre che il supporto del secondario, dove ci sono le viti, è in battuta sul tubo porta secondario. Ecco nella quarta foto il secondario smontato e la piccola sporgenza sulla destra del supporto. Una bella foto per apprezzare l' alta riflettività del secondario. Nell' ultima foto il C14 senza secondario. Dopo aver rimontato tutto, il telescopio ha fatto un viaggio in macchina ed è risultato, alla prima serata di osservazione, leggermente scentrato. Non sappiamo però se è stato il trasporto o le operazioni di smontaggio/montaggio a far perdere la collimazione. Tutto sommato perciò il fastar sembra essere realizzato bene e la collimazione non ne soffre così come pensavamo inizialmente.
Come è attaccato lo specchio al suo supporto? Molto semplicemente è... incollato.